NEI DINTORNI - Re Mare beb

Vai ai contenuti

Menu principale:

NEI DINTORNI

Nei Dintorni
    
L’Area marina protetta “Capo Rizzuto”, istituita nel 1991,  è la più estesa d’Italia (15mila ettari), ma anche una delle aree più affascinanti del Mediterraneo. Si affacciano su di essa otto promontori, tra cui quello del parco archeologico di Capo Colonna, con l’unica colonna del tempio di Hera Lacinia rimasta in piedi; all’altro estremo del parco si trova Punta Le Castella, con il Castello Aragonese.
Vari sono stati gli avvistamenti nella spiaggia del Re Mare B&B di tartarughe Caretta Caretta, di cui posso testimoniarne la presenza; nell’estate 2011 ho infatti casualmente partecipato, insieme agli altri bagnanti, alla schiusa di centinaia di uova (ne conservo preziosamente i filmati). Un evento per me indimenticabile. Non meno frequente la presenza, specie nel periodo primaverile, di delfini .  
Nella stessa spiaggia cresce una particolare pianta, il giglio di mare (Pancratium maritimum L.). Si tratta di una pianta bulbosa, che cresce spontaneamente sui litorali sabbiosi del Mar Mediterraneo e del Mar Nero.



Clicca Qui
IL TEMPIO DI HERA LACINIA

A Capo Colonna sorgeva una tra le aree sacre più importanti dell'intera Magna Grecia: il santuario dedicato ad Hera Lacinia, situato su un promontorio chiamato anticamente Lacinion, che diede anche l'epiteto alla dea Hera. Il tempio era un imponente complesso di 48 colonne in stile dorico alte oltre 8 metri . Ad oggi, purtroppo, è rimasta in piedi soltanto una colonna, chiaro simbolo della storia millenaria della città di Crotone. Il parco archeologico ospita dal 2001 un importante museo, dov’ è possibile ammirare il tesoro di Hera Lacinia e le innumerevoli ricchezze transitate dal periodo greco fino all'antichità.

si trova a 4 Km
SANTUARIO DELLA MADONNA DI CAPO COLONNA

Sul promontorio sorge oggi anche un santuario dedicato alla Madonna di Capo Colonna, della quale si venera un'immagine attribuita a San Luca. Secondo la tradizione, l'immagine era stata saccheggiata dai pirati Turchi che, non essendo riusciti ad incendiarla, la buttarono in mare. Trovata sulla spiaggia da un pescatore, fu da lui conservata fino a quando, prossimo a morire, ne rivelò il possesso. Il quadro in stile bizantino viene custodito nella cattedrale di Crotone e una processione notturna sale al santuario di Capo Colonna ogni anno, alla terza domenica di maggio, per ricordarne il miracolo.

si trova a - 4 Km
TORRE NAO

La torre di guardia di Capo Nao, meglio conosciuta come Torre Nao, è una struttura difensiva a pianta quadrangolare, edificata dagli spagnoli nel XVI secolo allo scopo di arginare le frequenti scorrerie delle navi turche. Solo nel tratto costiero del Marchesato di Crotone gli spagnoli costruirono non meno di dodici torri di guardia, tra le quali appunto la Torre Nao e la dirimpettaia Torre Scifo, entrambe a pianta quadrata e site sull'antico promontorio Lacinio, oggi noto col nome di Capo Colonna. Oggi la Torre Nao di Capo Colonna ospita al suo interno l'omonimo Antiquarium che raccoglie importanti reperti di archeologia subacquea rinvenuti nei tratti di mare antistanti il promontorio.

si trova a - 4 Km
   
SCIFO

La Torre di Scifo faceva parte del complesso difensivo voluto dal viceré Pedro da Toledo nel XVI Sec.
È una roccaforte di forma quadrangolare alla quale si può accedere grazie a delle scale esterne o attraverso un ponticello.
Fu ceduta dopo l’unità d’Italia, dal demanio dello Stato, al marchese Antonio Lucifero, che la trasformò in dimora estiva di soggiorno.
Dal Re Mare b&b è possibile avvistare la Torre in tutta la sua imponenza ed il suo splendore.

si trova a meno di - 4 Km

 
LE CASTELLA

    
Nell’area marina protetta “Capo Rizzuto” sorge uno dei castelli più affascinanti d’Italia, posizionato su un isolotto legato alla costa da una sottile lingua di terra.
Edificata nel XV sec, la fortezza servì da ricovero per i soldati che combattevano contro le invasioni nemiche provenienti dal mare. L’attuale roccaforte poggia su fondamenta risalenti al periodo magno-greco (400 a.C.). La fortezza, continuamente attaccata dai turchi, rimase popolata fino agli inizi dell’ ‘800, periodo in cui la popolazione si trasferì sulla terra ferma dando vita ad un piccolo borgo di marinai, oggi l’attuale centro turistico.

si trova a - 20 Km

crotone
CROTONE

La città vecchia si snoda dalla piazza del Castello di Carlo V. Dalle caratteristiche e strette vie del centro storico, con piazze sulle quali affacciano massicci palazzi nobiliari, si giunge al Duomo (edificato nell’XI sec.) e nella centralissima piazza Pitagora, giuntura tra la città vecchia e la città nuova.  Su via Risorgimento è posto il Museo archeologico nazionale di Crotone.
Di rilevante importanza storica la chiesa di Santa Chiara, sorta su un monastero del Quattrocento, ove è ora possibile ammirare affreschi del Settecento ed un pavimento in maiolica napoletana. La chiesa barocca di San Giuseppe, o "chiesa dei nobili", risalta invece, oltre che per l'imponente portone di ingresso in legno, per due sculture lignee risalenti alla fine del Seicento.

    
Il tratto di viale Cristoforo Colombo è il centro della vita notturna del crotonese, soprattutto nella stagione estiva; da qui si accede facilmente al porticciolo turistico.
A Crotone visse il matematico e filosofo greco Pitagora. La città diede i natali al cantautore Rino Gaetano, prematuramente scomparso nel 1981 in un tragico incidente stradale, diventato straordinario ed istintivo precursore dei tempi.
Molto sentita e ricca di tradizioni per il popolo crotonese è la festa cattolica compatronale della Madonna di Capo Colonna, in onore del quadro bizantino in cui è raffigurata la Vergine Maria con in braccio il bambino Gesù. Nel terzo sabato di maggio avviene, di notte, il grande pellegrinaggio dal Duomo della città di Crotone a Capo Colonna, promontorio distante circa 13 km dalla città.
Il 2016 è stato l’anno della prima storica promozione del Crotone Calcio in serie A.

si trova a - 8 Km
 
Created by Impronta Digitale. Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu